Lavinia Mancusi e Semilla: “Dio è morto” di Guccini