Suor Laura Girotto e la fame in Etiopia

Torinese di origine veneta, ha studiato a Cambridge con una specializzazione come insegnante di inglese come lingua straniera.

Prima di diventare missionaria con le Figlie di Maria Ausiliatrice delle Salesiane di Don Bosco, sognava di fare la stilista.

Dal 1994 vive ad Adua, nel Nord dell’ Etiopia.

Dal ’96 con un’ associazione di volontari si occupa di adozioni a distanza (www.amicidiadwa.org).

In Etiopia “avevano bisogno di una missionaria non troppo giovane e che parlasse inglese”. In quelle terre non c’era stato più alcun cattolico dal 1620. Gli ultimi furono i gesuiti. Da allora non ci poté entrare più nessuno.

Oggi la situazione è più tranquilla, almeno formalmente. All’inizio ci sono stati degli ostacoli da parte della chiesa ortodossa locale.

“Siamo state picchiate perché pensavano che fossimo andate lì per fare proselitismo. Ma presto si sono resi conto che il nostro obiettivo non era catechizzare o prendere i loro posto, ma aiutare tutti senza distinzioni. Bisognava far qualcosa per fronteggiare il problema della fame con cui le persone convivevano e convivono quotidianamente”.

L’anno prossimo festeggerà i suoi 50 anni di professione religiosa.

“Visto che abbiamo una vita sola, sono molto soddisfatta. La mia è una vita piena, intensa. Difficile talvolta, ma sono felice”.

E’ una delle protagoniste del libro

di Cristiana Caricato, Alessandra Buzzetti, Svegliate il mondo!

Da cui è tratta la serie di documentari dal titolo “IL RESPIRO DI DIO” che andrà in onda a partire da settembre Su tv2000.

Tweet about this on TwitterShare on Tumblr0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on Facebook0Email this to someone