Aperta la 36esima congregazione generale dei gesuiti per l’elezione del nuovo superiore

simbolo-gesuitiCon la Messa celebrata domenica sera dal maestro dei domenicani padre Bruno Cadore nella chiesa del Gesù, si è aperta la 36esima Congregazione generale della Compagnia di Gesù. Sono 215 provenienti da 62 Paesi i gesuiti riuniti a Roma, nella curia a due passi da S. Pietro, per eleggere il nuovo Superiore, il cosiddetto “Papa nero”, a seguito delle dimissioni dell’ormai ottantenne padre Alfonso Nicolàs, trentesimo successore di S. Ignazio, in carica dal 2008. Si tratta del più importante appuntamento “legislativo” della Compagnia che servirà a definire anche le sfide pastorali da affrontare nel prossimo futuro. Una preparazione durata due anni, da quando padre Nicolàs annunciò l’intenzione di lasciare la guida dell’ordine, come fecero prima di lui gli ultimi due generali, padre Arrupe, che peraltro era già gravemente malato, e padre Kolvenbach, che guidò i gesuiti per 24 anni. Dimissioni formalizzate e accettate nella tarda mattinata durante la prima sessione dei lavori. A guidare la Compagnia in attesa dell’elezione del nuovo Superiore sarà il vicario generale padre James Grummer.

La Compagnia di Gesù è il più grande ordine di presbiteri e fratelli della Chiesa cattolica. Fondata da S. Ignazio nel 1540, è coinvolta in ministeri educativi, pastorali e spirituali in tutto il mondo. I suoi membri oltre a quelli tradizionali di castità, povertà e obbedienza, professano un quarto voto di totale obbedienza al Papa. Numerosi leader mondiali si sono formati in istituti gesuiti: presidenti come Mitterand e Clinton, l’ex presidente della Commissione europea Barroso o il segretario di Stato americano Kerry, Monti e Draghi e perfino Fidel Castro, per citarne alcuni.

RIVEDI I NOSTRI DOCUMENTARI:

Il respiro di Dio – “Un gesuita a Scampia”, la storia di padre Sergio Salaù

 

Teologo, filosofo, critico letterario, musicale, giornalista, direttore Civiltà Cattolica, Antonio Spadaro, sacerdote e gesuita, autore della prima intervista a Papa Francesco, dice di essere “Un essere umano che si interroga sull’esistenza, profondamente amato dal Signore, e che per questo sente tantissimi limiti”. Una intervista da non perdere…

Padre Antonio Spadaro a #Soul

 

PER SAPERNE DI PIU’ SUI GESUITI