Un traduttore

Venerdì 6 agosto alle 20.55   – Un traduttore di Rodrigo e Sebastian Barriuso. 

Malin, un professore di letteratura russa dell’università de l’Havana, viene incaricato dal governo di fare da traduttore per un gruppo di pazienti provenienti dall’unione sovietica. I pazienti, principalmente bambini e adolescenti accompagnati dalle loro madri, sono i sopravvissuti al disastro di Chernobyl, che riportano danni da radiazioni. Il passaggio dal mondo astratto dell’accademia a quello reale e drammatico dell’ospedale stravolge la stabilità emotiva dell’uomo che col tempo inizia ad instaurare dei legami con i piccoli pazienti. Nel frattempo, cade il muro di Berlino e Cuba entra in una durissima crisi economica, così che Malin dovrà occuparsi anche della sua famiglia. Tratto da una storia vera.