12 ottobre 1896 nasceva Eugenio Montale.
Tutti i nostri approfondimenti…

eugeniomontale

Il 12 ottobre  1896 nasceva a Genova il poeta e scrittore Eugenio Montale , premio Nobel per la letteratura nel 1975.

LA VITA

Nato a Genova nel 1896 da un’agiata famiglia della media borghesia. Sempre indeciso sull’indirizzo da dare alla propria vita “pratica”, il poeta arriva fino ai 30 anni senza un lavoro fisso; nel 1927 finalmente venne assunto come redattore presso la casa editrice fiorentina Bemporad. Dovette quindi trasferirsi a Firenze, dove nel 1929 venne nominato direttore della Biblioteca del Gabinetto Vieusseux fino al 1938, quando fu allontanato dall’incarico perché si era sempre rifiutato di prendere la tessera  del Partito fascista. Questi anni sono caratterizzati da una straordinaria intensità di rapporti umani e culturali. In questo periodo si situa anche l’inizio del rapporto affettivo con Drusilla Tanzi, che sarebbe divenuta ben presto la compagna e poi la moglie di Montale. Dopo la Liberazione Montale partecipò (per gli affari culturali) al Comitato di liberazione nazionale e aderì, ma per poco, al Partito d’azione (unica e breve partecipazione attiva alla vita politica). Nel 1948 si trasferisce a Milano, dove lavora come redattore del “Corriere della Sera”; l’attività giornalistica continua quasi fino alla morte, sopraggiunta nel 1981. Gli ultimi anni sono prodighi di riconoscimenti nazionali (per esempio la nomina a senatore a vita nel 1967) e internazionali (ricordiamo, fra tutti, il premio Nobel assegnatogli nel 1975).

LE OPERE

L’itinerario poetico di Montale è segnato da un’evoluzione che dal sublime della prima stagione giunge all’abbassamento comico-prosastico dell’ultima fase. Con una schematizzazione estrema possiamo individuare il tema fondamentale della poesia montaliana nell’insanabile crisi del rapporto fra l’uomo contemporaneo e il reale. Il disagio, il “male di vivere”, è dunque il filo rosso che unisce, pur attraverso varietà di modi, toni, situazioni poetiche, la prima stagione, che ha inizio con la raccolta “Ossi di seppia”, all’ultima stagione.

 

“Nel Fumo” di Eugenio Montale

“La Belle Dame sans Merci” di Eugenio Montale