07/12/2017 Il Papa incontra il coro “Mariele Ventre” dell’Antoniano di Bologna

Al Piccolo Coro “Mariele Ventre” dell’Antoniano di Bologna

Cari bambini e ragazzi,

saluto con affetto voi e quanti vi seguono nelle attività del Piccolo Coro Mariele Ventre dell’Antoniano di Bologna, che quest’anno festeggia i sessant’anni della gara denominata “Lo Zecchino d’Oro”.

Desidero esprimere il mio apprezzamento per la celebrità che il vostro Coro si è conquistata in questi anni attraverso le belle esecuzioni musicali, che hanno trovato gradimento nel mondo dei piccoli e anche in quello degli adulti. E questo perché con le vostre canzoni voi, con semplicità e bravura, trasmettete un senso di serenità, tanto necessaria per tutti, specialmente per quelle famiglie provate da difficoltà e da sofferenze.

Leggi il testo integrale

 

Alla Delegazione del National Council of Churches di Taiwan,

Cari fratelli e sorelle,

responsabili e membri del National Council of Churches of Taiwan, vi do il mio cordiale benvenuto e vi ringrazio per le gentili parole di saluto che mi avete indirizzato.

Come sapete, sono da poco rientrato da una visita in Myanmar e in Bangladesh. Ho potuto così fare esperienza della vitalità e dell’intraprendenza che caratterizzano i popoli dell’Asia, ma anche del volto sofferente di un’umanità troppo spesso priva di prosperità materiale e di benessere sociale.

Leggi il testo integrale

 

Alla Presidenza della Federazione Luterana Mondiale. 

Caro fratello, caro Arcivescovo Musa,

La saluto cordialmente insieme al Dott. Junge, Segretario Generale, ai Vicepresidenti e ai delegati della Federazione Luterana Mondiale, e, mentre la ringrazio per le Sue cortesi parole, mi congratulo con Lei per la recente nomina a Presidente.

Insieme possiamo fare oggi memoria, come la Scrittura insegna, di quanto il Signore ha operato fra noi (cfr Sal 77,12-13). Il ricordo va, in particolare, ai momenti che hanno ecumenicamente segnato l’Anno della Commemorazione della Riforma da poco concluso. Mi piace ripensare soprattutto al 31 ottobre 2016, quando abbiamo pregato a Lund, dove la Federazione Luterana Mondiale fu istituita. È stato importante incontrarci anzitutto nella preghiera, perché non da progetti umani, ma dalla grazia di Dio germoglia e fiorisce il dono dell’unità tra i credenti. Solo pregando possiamo custodirci gli uni gli altri. La preghiera purifica, fortifica, illumina il cammino, fa andare avanti. La preghiera è il come il carburante del nostro viaggio verso la piena unità. Infatti l’amore del Signore, che attingiamo pregando, mette in moto la carità che ci avvicina: da qui la pazienza del nostro attenderci, il motivo del nostro riconciliarci, la forza per andare avanti insieme. A partire dalla preghiera, che è “l’anima del rinnovamento ecumenico e dell’aspirazione all’unità”; il dialogo “su di essa si fonda e da essa trae sostentamento” (cfr Lett enc. Ut unum sint, 28).

Leggi il testo integrale

 

Udienza alle Delegazioni di Donatori dell’albero di Natale e del Presepio in Piazza San Pietro

Cari fratelli e sorelle,

è una gioia per me accogliervi in questa circostanza e rivolgervi il mio ringraziamento per il dono del presepio e dell’albero di Natale, collocati in piazza San Pietro. Porgo di cuore a tutti voi il mio saluto, iniziando dalle Autorità e dai rappresentanti delle Istituzioni che hanno promosso questa iniziativa. Saluto l’Abate di Montevergine, per il dono del presepe; l’Arcivescovo di Warmia e il Vescovo di Elk in Polonia, da cui proviene l’albero, con la Direzione delle Foreste Statali di Bialystok. Inoltre saluto i bambini in cura presso i reparti oncologici di alcuni Ospedali italiani e delle zone terremotate del Centro Italia, coordinati dalla Fondazione “Contessa Lene Thun”, che hanno realizzato gli addobbi.

Ogni anno il presepe e l’albero di Natale ci parlano col loro linguaggio simbolico. Essi rendono maggiormente visibile quanto si coglie nell’esperienza della nascita del Figlio di Dio. Sono i segni della compassione del Padre celeste, della sua partecipazione e vicinanza all’umanità, che sperimenta di non essere abbandonata nella notte dei tempi, ma visitata e accompagnata nelle proprie difficoltà. L’albero proteso verso l’alto ci stimola a protenderci “verso i doni più alti” (cfr 1Cor 12,31), a innalzarci al di sopra delle nebbie che offuscano, per sperimentare quanto è bello e gioioso essere immersi nella luce di Cristo. Nella semplicità del presepio noi incontriamo e contempliamo la tenerezza di Dio, manifestata in quella del Bambino Gesù.

Leggi il testo integrale

 

Comunicato della Sala Stampa: Udienza al Presidente del Consiglio dei Ministri della Bosnia ed Erzegovina

Stamani, il Santo Padre Francesco ha ricevuto in udienza, nel Palazzo Apostolico Vaticano, Sua Eccellenza il Sig. Denis Zvizdić, Presidente del Consiglio dei Ministri della Bosnia ed Erzegovina, il quale si è successivamente incontrato con l’Em.mo Card. Pietro Parolin, Segretario di Stato di Sua Santità, accompagnato da Mons. Antoine Camilleri, Sotto-Segretario per i Rapporti con gli Stati.

Leggi il testo integrale