UDIENZA GENERALE
Natale del Signore Gesù Padre Edmondo A. Caruana e Lorenzo Tagliaferri 27/12/2017

Insieme a Padre Edmondo A. Caruana e Lorenzo Tagliaferri, curatori di “Un abbraccio di Speranza – Pensieri di Papa Francesco ai malati”, abbiamo ascoltato quello che il Papa ha detto sul Natale durante la catechesi  di questa mattina. Durante l’Udienza Generale Francesco ha parlato della tentazione del nostro tempo di vivere un Natale senza Gesù, svuotando così la festa del suo significato. Gesù finisce così “scartato” dalla cultura dominante la stessa che mette ai margini i poveri e gli ammalati, come segnalano Caruana e Tagliaferri nel loro testo.

 

UDIENZA GENERALE:

Senza Gesù non c’è Natale

Papa: Ai nostri tempi, specialmente in Europa, assistiamo a una specie di “snaturamento” del Natale: in nome di un falso rispetto che non è cristiano, che spesso nasconde la volontà di emarginare la fede, si elimina dalla festa ogni riferimento alla nascita di Gesù. Ma in realtà questo avvenimento è l’unico vero Natale! Senza Gesù non c’è Natale; c’è un’altra festa, ma non il Natale.

 

Il vero dono

Papa: Ci possiamo chiedere allora che cosa significhi accogliere il dono di Dio che è Gesù. Come Lui stesso ci ha insegnato con la sua vita, significa diventare quotidianamente un dono gratuito per coloro che si incontrano sulla propria strada. Ecco perché a Natale si scambiano i doni. Il vero dono per noi è Gesù, e come Lui vogliamo essere dono per gli altri. E, siccome noi vogliamo essere dono per gli altri, scambiamo dei doni, come segno, come segnale di questo atteggiamento che ci insegna Gesù: Lui, inviato dal Padre, è stato dono per noi, e noi siamo doni per gli altri.

 

Un mondo nuovo

Papa: E, infine, un ultimo aspetto importante: nel natale possiamo vedere come la storia umana, quella mossa dai potenti di questo mondo, viene visitata dalla storia di Dio. E Dio coinvolge coloro che, confinati ai margini della società, sono i primi destinatari del suo dono, cioè – il dono – la salvezza portata da gesù. Con i piccoli e i disprezzati Gesù stabilisce un’amicizia che continua nel tempo e che nutre la speranza per un futuro migliore.

 

La fotogallery della puntata