Michele Sciancalepore

Sul “1984” di Lenton si proietta il presente

MODENA La data è l’unica cosa sbagliata: 1984. Tutto il resto è terribilmente vero. Di naïve c’è solo il giochetto infantile dell’inversione delle ultime due cifre dell’anno in cui è stato scritto: 1948. Tutte le altre intuizioni si sono rivelate calzanti e la mente profetica di George Orwell è stata in grado, col suo romanzo […]

DONNE Speranza attraverso il tempo

Cinque aggettivi per due occhi, quelli di Beatrice Fazi: penetranti, scaltri, dolci, vividi e spiazzanti. Ma questi stessi attributi valgono anche per gli sguardi che l’attrice romana di origine salernitana sta interpretando per una platea sempre gremita ed entusiasta al Teatro7 di Roma fino a domenica. Sono gli occhi di Cinque donne del Sud, l’ultimo […]

I NUOVI del teatro

Uno stupefacente ossimoro. Uno straordinario strappo alla regola. In un paese afflitto da senilità nella direzione degli apparati e nell’attaccamento alle poltrone, da vetuste gerarchie nei poteri decisionali e da pervicaci radicamenti nel controllo della sala dei bottoni, insomma in quello che evidentemente «non è un paese per giovani», a Firenze, in via Ricasoli 3, […]

Per Ginetta e Pino il teatro è casa

Prendete un’ancestrale dose di estraneità, aggiungete abbondanti manciate di tenacia contaminata con punte di testardaggine, spargete numerose foglie di memoria sempreverde, versate compatti e radicati grumi di passione teatrale e ingenti e invincibili porzioni di amore per l’umanità, amalgamate e agitate il tutto per almeno 60 anni e avrete Ginetta Maria Fino. Se fosse un […]

Ungaro, eroe dei nostri tempi Il suo dovere civico si fa lezione

FERRARA «Non sono un eroe. Non ho fatto nulla di speciale». È diventato un mantra, la premessa, la carta di presentazione e di identità di un uomo, un italiano, un emiliano che implicitamente sembra volerci dire che gli “anormali” siete voi se pensate che essere onesto sia un “tic nervoso”, come profetizzava Italo Calvino 40 […]

L’Antigone nell’immaginifica visione di Tiezzi

ROMA «Hai presente Bergoglio? Io sposo totalmente il suo spirito di accoglienza che latita in modo eclatante al giorno d’oggi». Così Federico Tiezzi esternava la sua adesione a uno dei cardini del papato di Francesco in occasione di un incontro per Freud o l’interpretazione dei sogni, creato di recente dal regista toscano per il Piccolo […]

DELBONO Dal “Vangelo” alla “Gioia”

«Pippo, devi fare qualcosa che parli dell’amore. Dovresti fare il Vangelo. C’è tanto bisogno di amore in questo mondo». A esternare con dolce fermezza questa preghiera sconfinante nell’implorazione fu Margherita, in punto di morte, la mamma, fervente cattolica, del suo unigenito Pippo che da 30 anni aveva abbracciato il buddismo. Dentro l’animo di Pippo Delbono […]

L’EDEN PERDUTO DEL PROLETARIATO

In principio, all’origine di questa singolare, complessa e ardita operazione teatrale su un film altrettanto insolito, controverso, foriero di polemiche trasversali, da tutti discusso ma da pochi visto, ci fu l’epifania di Lino Guanciale che quest’opera cinematografica, La classe operaia va in paradiso del 1971, l’ha studiata e proposta con passione a Claudio Longhi, il […]

Bulgakov in scena, Maestro e Margherita è «totale»

È impresa ardua sintetizzare Il Maestro e Margherita di Michail Bulgakov. Già la sua genesi fu complessa e faticoso il parto creativo: riscritto più volte fra il 1928 e il 1940, pubblicato post-mortem tra il 1966 e il ’67, ancora integrato e rieditato nel 2006. Al pari di questa tortuosità e laboriosità editoriale è il […]