Michele Sciancalepore

Ungaro, eroe dei nostri tempi Il suo dovere civico si fa lezione

FERRARA «Non sono un eroe. Non ho fatto nulla di speciale». È diventato un mantra, la premessa, la carta di presentazione e di identità di un uomo, un italiano, un emiliano che implicitamente sembra volerci dire che gli “anormali” siete voi se pensate che essere onesto sia un “tic nervoso”, come profetizzava Italo Calvino 40 […]

L’Antigone nell’immaginifica visione di Tiezzi

ROMA «Hai presente Bergoglio? Io sposo totalmente il suo spirito di accoglienza che latita in modo eclatante al giorno d’oggi». Così Federico Tiezzi esternava la sua adesione a uno dei cardini del papato di Francesco in occasione di un incontro per Freud o l’interpretazione dei sogni, creato di recente dal regista toscano per il Piccolo […]

DELBONO Dal “Vangelo” alla “Gioia”

«Pippo, devi fare qualcosa che parli dell’amore. Dovresti fare il Vangelo. C’è tanto bisogno di amore in questo mondo». A esternare con dolce fermezza questa preghiera sconfinante nell’implorazione fu Margherita, in punto di morte, la mamma, fervente cattolica, del suo unigenito Pippo che da 30 anni aveva abbracciato il buddismo. Dentro l’animo di Pippo Delbono […]

L’EDEN PERDUTO DEL PROLETARIATO

In principio, all’origine di questa singolare, complessa e ardita operazione teatrale su un film altrettanto insolito, controverso, foriero di polemiche trasversali, da tutti discusso ma da pochi visto, ci fu l’epifania di Lino Guanciale che quest’opera cinematografica, La classe operaia va in paradiso del 1971, l’ha studiata e proposta con passione a Claudio Longhi, il […]

Bulgakov in scena, Maestro e Margherita è «totale»

È impresa ardua sintetizzare Il Maestro e Margherita di Michail Bulgakov. Già la sua genesi fu complessa e faticoso il parto creativo: riscritto più volte fra il 1928 e il 1940, pubblicato post-mortem tra il 1966 e il ’67, ancora integrato e rieditato nel 2006. Al pari di questa tortuosità e laboriosità editoriale è il […]

Massini e Tiezzi tengono testa a Freud

Quando alla fine del primo atto si assiste alla visione onirica della processione al funerale del padre di un Sigmund Freud nudo che cammina col bastone e a tratti indietreggia come sgomento di fronte alla bara che barcolla, allora la chiave di lettura registica diviene lampante: Freud come Edipo. Nulla di nuovo. Deduzione formalizzata già […]

Crippa per Stein si cala nei deliri di Riccardo II

«L’amore, un gioiello raro in questo mondo di odio totale». Sporadici i sentimenti spassionati e gratuiti, inusuali le dedizioni che non siano viziate da calcoli e interessi. Dietro i pomposi e formali proclami verbali che ostentano affetto e fedeltà c’è solo un vuoto pneumatico popolato da brame e trame egoistiche. Nulla è più assoluto, tutto […]

ALZHEIMER Occhi che cercano

Arriva lui, trafelato, sembra un leone in gabbia: «Quando la facciamo quest’intervista?», incalza. «Aspettiamo che arrivi lei», rispondiamo. «Allora io vado in camerino a ripassare la parte», ribatte lui. Ed esce di scena. Ammirevole professionalità e umiltà, viene da pensare, dal momento che non si tratta di un debutto ma siamo alla cinquantesima replica. Rientra […]

OMAN Il dialogo sulle note di Rossini

MUSCAT «Che sorte, che accidente, che sbaglio fortunato!». Esulta Parmenione nella scena terza della farsa rossiniana L’occasione fa il ladro. Ma parole come “sorte, accidente, sbaglio, sogno” non si addicono affatto al contesto in cui vengono cantate. Siamo nel tempio della lirica della penisola arabica, a Muscat capitale dell’Oman, nella Royal Opera House. Un maestoso […]