Settant’anni dalla Costituzione italiana
L’eredità dei padri della “Carta”

Il 22 dicembre del 1947 i rappresentanti del popolo italiano nell’assemblea costituente approvarono la Costituzione italiana. Oggi a Siamo Noi, alle 15.20, celebriamo questo speciale compleanno fra memorie dirette e ricordi delle figure eccezionali dei nostri padri costituenti.

In studio Rosa Russo Jervolino, figlia di Angelo Raffaele Jervolino e Maria de Unterrichter che di quell’assemblea facevano parte. La Jervolino inoltre ci regalerà un ricordo speciale di quel giorno di come  lei, undicenne, “partecipò” a quell’approvazione.

Con la Jervolino ci saranno anche don Giovanni Nicolini, assistente spirituale dell’Acli nazionale che ci ricorderà la figura di Don Giuseppe Dossetti che conobbe personalmente, insieme alla giornalista e scrittrice Chiara Valentini, fra le autrici del libro Le donne della Repubblica e con il costituzionalista Stefano Ceccanti.

Alle 13.50 Siamo Noi, invece, all’avvicinarsi delle festività di Natale e di Capodanno porta in studio i consigli dei carabinieri.  Oggi ci occupiamo invece di un pericolo che si presenta puntualmente con queste feste: l’acquisto e l’uso improprio dei botti di Capodanno. Per orientarci e per darci tutte le informazioni utili saranno in studio  il Maresciallo Maggiore Salvatore Infantino, Comandante della squadra artificieri dei Carabinieri di Roma e il Tenente Annamaria Putortì, Comandante del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri Parioli a Roma.

Nell’intervista a due la protagonista è una sportiva: la tennista Mara Santangelo che ci presenterà, fra l’altro, il suo nuovo libro “Match Point” in cui racconta come gli alti e bassi della vita possano essere superati grazie a un approccio positivo, di fiducia in se stessi e verso il prossimo.

Infine nella rubrica “La preghiera di…” leggeremo una preghiera di Sant’Alfonso Maria de’ Liguori, fondatore della Congregazione del Santissimo Redentore, canonizzato da Gregorio XVI il 26 maggio 1839. In studio Padre Antonio Donato della Congregazione del Santissimo Redentore e Antonio Francese, laico redentorista.