Guido Piccarolo è un ragazzo come tanti, che appena laureato in Economia lascia l’Italia non per cercare lavoro, ma per obbedire a una chiamata. Consacrato, accoglie l’invito di don Giussani di recarsi in missione in Usa. Poiché è moto bravo, diventa analista finanziario alla Disney. Un lavoro da sogno, molto ben pagato. Poi un giorno scopre il non profit, e scopre che il lavoro può dare dignità e speranza ai dimenticati. Si licenzia con una collega dalla Disney, tra lo stupore dei suoi capi, e apre una comunità per aiutare disabili mentali a ritrovare un posto, soprattutto un abbraccio che dia senso alla vita. Comincia solo 9 anni fa la storia della Los Angeles Habilitation House: una casa, appunto, che offre lavoro concreto, pratico a tanti dimenticati, mostrando che il non profit può creare business: la House non chiede e n riceve un solo dollaro dallo stato, non vuole elemosina, ma mettere in atto potenzialità ritrovate.
Guido si dedica in  particolare a chi vive disabilità psichiche per le sofferenze vissute in guerra: è il dramma dei reduci dall’Iraq, un tarlo scomodo per quel che hanno visto, perché il dolore provato non riescono a dimenticarlo e può portare alla follia, alla morte. Guido racconta l’amicizia che cambia, l’incontro con la fede che questa amicizia rivela, e le storie di resurrezione che la compagnia cristiana vissuta e posta in opera sa generare.

27 Agosto 2016