Anna Magnani, un urlo senza fine