Le parole dell’amore: C come costruzione