Robert Cheaib, il nascondiglio della gioia