Don Peppe Diana, una petizione per avviare il processo canonico diocesano

Don Giuseppe Diana, il sacerdote di Casal di Principe ucciso dalla camorra 21 anni fa, potrebbe essere beatificato dalla Chiesa cattolica. Una petizione per avviare il processo canonico diocesano è stata presentata al vescovo competente per territorio, il pastore di Aversa, monsignor Angelo Spinillo, vicepresidente della Cei per il Mezzogiorno, dall’Agesci e dal Comitato Don Diana, che mette insieme decine di associazioni di volontariato e impegno civile locali e nazionali. Lo ha anticipato al Tg2000, lo stesso vescovo di Aversa, in una intervista a Luigi Ferraiuolo, nel Post, l’approfondimento del Tg2000, alla vigilia dell’anniversario dell’omicidio. “La petizione – spiega il pastore aversano – chiede che si avvii il processo diocesano di informazione per don Peppino ucciso in odio alla fede. Un’esigenza che è cresciuta in questi anni nella nostra comunità ecclesiale”. Monsignor Spinillo parlerà pubblicamente della petizione durante la santa messa per don Diana celebrata domattina alle 07.30 insieme ai sacerdoti e ai seminaristi della diocesi nella chiesa di Casal di Principe dove il sacerdote fu ucciso.
Don Diana fu trucidato barbaramente dai casalesi proprio il giorno del suo onomastico, il 19 marzo 1994, in segno di disprezzo, perché con la sua testimonianza e le sue omelie, senza timore per la propria vita, insegnava ai concittadini a non essere schiavi della criminalità.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0