Il Card. Angelo Bagnasco su unioni civili, famiglia, lavoro e gioco d’azzardo

Relazione all'Assemblea generale della Cei

BagnascoDa un’Europa più attenta agli ultimi alle persecuzioni contro i cristiani; dalla vicinanza accogliente alle famiglie ferite alle sofferenze e alle incongruenze del nostro Paese affaticato: il Magistero diffuso di Papa Francesco è “continuo stimolo alla conversione della vita personale e pastorale”. Così il card. Angelo Bagnasco, Presidente della CEI, ha aperto la seconda giornata di lavori della 69ª Assemblea Generale dei vescovi italiani, in corso a Roma dal 16 al 19 maggio.
Il Presidente della Cei critica la legge sulle unioni civili: sancisce una “equiparazione al matrimonio e alla famiglia” e punta al “colpo finale”. Forte preoccupazione per la famiglia, il lavoro e l’azzardo: siamo tra i peggiori in Europa. Un invito ad un esame di coscienza sul fronte dell’accoglienza dei migranti.

Vai nel sito della Cei per leggere la relazione integrale del card. Angelo Bagnasco