#PapaFrancesco in Armenia, discorso alle Autorità Civili e al Corpo Diplomatico (VIDEO)

Il Papa torna a pronunciare il termine “genocidio” e lo fa nel saluto al Presidente della Repubblica dell’Armenia, Serzh Sargsyan, nel palazzo Presidenziale di Yerevan. Lo fa andando a braccio e facendo memoria del “Metz Yeghérn”, il Grande Male: “Quella tragedia, quel genocidio – aggiunge al testo scritto – inaugurò purtroppo il triste elenco delle immani catastrofi del secolo scorso, rese possibili da aberranti motivazioni razziali, ideologiche o religiose, che ottenebrarono la mente dei carnefici fino al punto di prefiggersi l’intento di annientare interi popoli”. Ed ha aggiunto a braccio che “tutto questo accadeva mentre le grandi potenze internazionali guardavano dall’altra parte”. Papa Francesco lancia quindi un appello: “Auspico vivamente che l’umanità sappia trarre da quelle tragiche esperienze l’insegnamento ad agire con responsabilità e saggezza per prevenire i pericoli di ricadere in tali orrori. Si moltiplichino perciò, da parte di tutti, gli sforzi affinché nelle controversie internazionali prevalgano sempre il dialogo, la costante e genuina ricerca della pace, la collaborazione tra gli Stati e l’assiduo impegno degli organismi internazionali, al fine di costruire un clima di fiducia propizio al raggiungimento di accordi duraturi”.
Il Papa rivolge un appello anche a “tutti coloro che dichiarano la loro fede in Dio”, perché “uniscano le loro forze per isolare chiunque si serva della religione per portare avanti progetti di guerra, di sopraffazione e di persecuzione violenta, strumentalizzando e manipolando il Santo Nome di Dio”.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0