Giornalista e prima donna ad essere corrispondente estero Rai a Bruxelles e Strasburgo, Gianna Radiconcini ha l’Europa nel sangue: ha seguito sin dalla sua ideazione, poi nei suoi sviluppi, il progetto che fu di Altiero Spinelli, tra i fondatori del Movimento Federalista Europeo. È testimone della nascita di un processo culturale fatto di persone e non solo di un’istituzione. Nel libro In memoria di una militante azionista, edito da Carocci, racconta gli anni della Roma occupata, la nascita della resistenza politica al fascismo, quand’era solo una ragazza coraggiosa, da guardare con ammirazione: oggi manca una baldanza giovanile come quella di allora, nell’impegno con cui affrontare la realtà, nella passione e fin nell’azzardo.

24 Marzo 2017

  •  
     
  • Montecitorio Selfie