La poetessa Mariangela Gualtieri e il regista Cesare Ronconi ospiti di Retroscena martedì in seconda serata su Tv2000

La poetessa Mariangela Gualtieri e il regista Cesare Ronconi  ospiti di Michele Sciancalepore e protagonisti della 30esima puntata di Retroscena! I versi di una delle più grandi scrittrici dell’anima e il genio visionario del regista del Teatro Valdoca fusi insieme in uno evento scenico svelato in esclusiva alle telecamere di Retroscena: Giuramenti.  “Tentare uno spettacolo della parola sacramentale per ripotenziarla e ridonarle nuova linfa vitale”. Con queste parole, che hanno il sapore di una promessa, Mariangela Gualtieri chiarisce l’obiettivo che ha guidato i suoi versi messi al servizio di un allestimento potente e spiazzante.  “Il Teatro deve mostrare l’invisibile e non può prescindere da un alto grado di spiritualità”. E questa invece è la dichiarazione di intenti tradotta dal regista Ronconi in una messinscena che è un inno alle verità profonde dell’esistenza umana. E in effetti lo spettacolo “Giuramenti” lancia provocazioni ineludibili: da quella di una rivolta per partorire il proprio sogno, al saper dire il proprio “no” alle mediocrità, all’invito a saper fare spazio e silenzio per scoprire il mistico mistero dentro di noi, a non ignorare il “sanguinare del mondo” e all’empatia col dolore degli stranieri per non ritrovarsi con un “cuore di gomma”. A incarnare i versi della Gualtieri 12 giovani, tutti under 30, selezionati su duecento dopo un anno di seminari e laboratori fino a formare un gruppo che ha vissuto un’esperienza più unica che rara, un vero lusso viste le dinamiche e le tempistiche produttive del teatro contemporaneo: un ritiro di tre mesi in un bosco per cibarsi di natura, parole, sperimentazioni coreografiche, meditazioni filosofiche e non per esibirsi in un reality televisivo ma per vivere pienamente una realtà selvatica, ancestrale ed esistenziale. Giuramenti in realtà formalmente non se ne pronunciano, ma è tutto un gigantesco giuramento d’amore al teatro e alla vita che diventa vera solo se recupera la sua dimensione spirituale. In chiusura la consueta esclusiva creazione della sand artist Gabriella Compagnone, e l’ormai immancabile appuntamento con la rubrica “CheTeatroFa”: una mappa degli eventi e delle “temperature” teatrali più significative della nostra penisola in stile meteo.