L’inquinamento in fertilità e lo scarto in natura sono i temi delle puntate di “Dapprincipio” condotto da Enrico Selleri. Mercoledì 19 luglio in seconda serata dopo C’è Spazio su Tv2000

Siamo abituati a vedere e valorizzare solo quello che ci sembra utile, tutto il resto va scartato. Ma è proprio così? Non sempre quel che pare inutile lo è davvero. Pensiamo al DNA. Quando è stato decifrato alcuni cromosomi, che apparentemente non servivano a niente, sono stati chiamati sbrigativamente  “cromosoma spazzatura” ma in realtà sono così inutili? E i batteri? Sono davvero dei nemici da sterminare come ci dice la pubblicità?  Oppure sono amici importanti per la nostra vita? Nulla è inutile, in natura. Ma la parola scarto assume un significato ben più drammatico quando si applica alle persone. E’ la preoccupazione gridata da papa Francesco, e la riflessione di molti economisti di fama. Paesi scartati, o lasciati sopravvivere coi nostri scarti, cioè uomini donne e bambini che contano meno, molto meno. Ma anche  persone considerate inadeguate, quindi emarginate, un peso per la nostra società, perché diverse. Al punto che non vale la pena neanche farle vivere… Un argomento importante quello di questa puntata di DAPPRINCIPIO dedicata a LO SCARTO IN NATURA il programma di CARLO BELLIENI condotto da ENRICO SELLERI

Abbiamo ascoltato:  BRUNO DALLAPICCOLA  genetista direttore scientifico dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù, SERENA SCHIPPA  Microbiologa  dell’ Università  Sapienza di Roma, MAURIZIO EVANGELISTA  Direttore UOC Terapia del Dolore del Policlinico Agostino Gemelli di Roma,  ANNA MARIA ALOISI  Fisiologa dell’ Università di Siena, PIETRO COMBA  Direttore del Reparto Epidemiologia Ambientale dell’ Istituto Superiore di Sanità  e LUCA FIORITO  Economista della  LUISS Guido Carli di Roma. Viviamo in un ambiente inquinato , lo sappiamo, ma conosciamo i reali effetti sulla nostra salute? Quando parliamo di inquinamento pensiamo a quello che vediamo nelle nostre città nell’ambiente che ci circonda, ma c’è inquinamento più subdolo, di cui difficilmente siamo consapevoli: è quello che passa attraverso gli oggetti di uso comune. Bottiglie, scatole, sacchetti di plastica, ma anche solventi, tinture, fanno parte della vita di tutti i giorni. CI sono utili, quasi indispensabili, eppure anche quelli apparentemente più sicuri,  possono nascondere degli elementi misteriosi e preoccupanti, gli interferenti endocrini. Che effetti hanno sulla nostra salute? Come condizionano la fertilità? E quali sono le cautele da possiamo usare?

Abbiamo provato a rispondere a queste e tante altre domande con tre esperti dell’Istituto Superiore di Sanità: PIETRO COMBA  Dir. Reparto Epidemiologia Ambientale,  ALBERTO MANTOVANI  Dir. Reparto Tossicologia alimentare e veterinaria, STEFANO LORENZETTI  Tossicologo  e FRANCESCA BALDI  con loro i professori del Policlinico Gemelli di Roma: l’endocrinologo ALFREDO PONTECORVI  Direttore UOC Endocrinologia  e il ginecologo GIUSEPPE NOIA Direttore U.O.C. dell’ Hospice Perinatale insieme a BRUNO DALLAPICCOLA  Genetista,   Direttore  Scientifico dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0