Un paesino della Calabria remota, abituato agli sbarchi, sul mare che guarda all’Albania, terra d’esodi ormai dimenticati. Un paesino tangente alle campagne dove domina il caporalato, dove la criminalità e i migranti si sono affratellati nell’ignominia e nell’omertà dello stato e della gente. Qui una Penny Wirton trova casa, grazie alla testardaggine di un docente di letteratura italiana all’università di Cosenza e di un’insegnante solare in pensione. A scuola si insegna la lingua al rumeno che fa il panettiere, e ormai si è integrato perfettamente, a Omar, a Fedi… Ma si insegna anche la dignità, i diritti, il rispetto del lavoro. Si educa alla legalità, in terra di mafie, ed è un’educazione innanzitutto per gli italiani. Omar sulla spiaggia che fa kung fu in riva al mare, d’inverno, col suo amico che parla in calabrese: l’immagine più bella.

25 Gennaio 2018

  •  
     
  • Montecitorio Selfie