TV2000 ESTERI – Today in Tunisia, dal Nobel per la pace alle proteste di piazza

Lunedì 9 aprile, seconda serata –  Nel 2015 la Tunisia vinceva il Nobel per la pace, oggi vede nuove proteste in piazza contro la situazione economica: segno che la rivoluzione, da sola, non basta. È questo l’argomento della puntata di Today, l’approfondimento di Tv2000 dedicato all’attualità internazionale condotto da Andrea Sarubbi.
Basta un dato per capire quanto lo sviluppo della Tunisia sia essenziale per l’Italia: tra il 2016 e il 2017 è quintuplicato il numero di sbarchi dalle coste tunisine, in seguito a una situazione economica davvero difficile. La disoccupazione, al 15 per cento, tocca per lo più i diplomati e raggiunge in certe zone del Paese un terzo della popolazione; il turismo risente ancora degli attentati del 2015 al Bardo e sulla spiaggia di Sousse; la crisi libica ha fatto crollare le rimesse e tolto risorse a una parte del Paese, rendendola più permeabile alla propaganda del radicalismo dell’Isis. Il reportage di Andrea Sarubbi tra i progetti della Cooperazione italiana – che ha stanziato 165,5 milioni di euro per il triennio 2017-2020 – offre uno spaccato di quello che si può fare per aiutare un Paese a crescere: le linee di credito per l’imprenditoria locale creano opportunità di lavoro, le cooperative di donne e pescatori aiutano interi villaggi delle zone desertiche e della costa a costruire il futuro. Tutti temi – a partire da quello della rivoluzione ancora incompiuta – analizzati poi in studio con la storica Leila el Houssi, docente all’Università di Padova e di Firenze, nata in Italia da genitori tunisini.
La puntata è introdotta dalla copertina di Solen De Luca e chiusa da un’opera d’arte scelta dalla redazione: Djerbahood, il museo a cielo aperto realizzato dal gallerista franco-tunisino Mehdi ben Cheikh nel villaggio di Erriadh.