Dopo la serie trasmessa lo scorso anno sulle parabole della Misericordia, Padre Enzo Bianchi, Priore della comunità monastica di Bose, torna sul piccolo schermo con quattro meditazioni volte a provocare il pubblico televisivo sulla portata “scandalosa” del perdono.

Un dialogo con Monica Mondo per chiudere l’Anno Santo ripercorrendo luoghi e storie che rappresentano le diverse sfaccettature della Misericordia.

Quattro temi per quattro puntate.

Riconciliazione: le vite che s’intrecciano al centro profughi di Castelnuovo di Porto, vicino Roma, insegnano che chi riceve Misericordia dà Misericordia. Al centro della puntata una domanda: siamo tutti capaci di perdono, o lo pretendiamo soltanto?

Guadagno. A che vale l’attenzione agli altri oltre che a se stessi? Rispondono i giovani della movida romana per capire com’è lo sguardo di chi ha fortuna e mezzi su chi ha bisogno di cura e perdono.

Mancanza: essere misericordiosi è avere la consapevolezza di mancare  di qualcosa, di sentirsi peccatori, non giusti. La riflessione è approfondita attraverso le storie di quanti, come gli ospiti dell’ospizio della Caritas, a Roma, vivono senza speranza e senza futuro.

Gratuità: le storie raccolte all’interno del carcere minorile di Airola, in provincia di Benevento, per spiegare che il perdono è causa del pentimento.

Con Padre Enzo Bianchi. A cura di Monica Mondo.
In onda la domenica alle 19.15. Dal 30 ottobre.

28 Settembre 2016

  •  
     
  • Montecitorio Selfie