CONFESSIAMO I NOSTRI PECCATI, NON QUELLI DEGLI ALTRI
Padre Vittorio Trani e Nelide Giammarco 03/01/18

Nella prima Udienza Generale dell’anno Papa Francesco riprende il ciclo di catechesi sulla celebrazione eucaristica dall’atto penitenziale.
Ne abbiamo parlato con Padre Vittorio Trani, cappellano del carcere romano “Regina Coeli”, e con Nelide Giammarco, volontaria nello stesso carcere.

 

IN EVIDENZA

Impastati di argilla Conversioni inaspettate

 

UDIENZA GENERALE del 3 gennaio 2018

Mea Culpa

Papa: Spesso ci sentiamo bravi perché – diciamo – “non ho fatto male a nessuno”. In realtà, non basta non fare del male al prossimo, occorre scegliere di fare il bene cogliendo le occasioni per dare buona testimonianza che siamo discepoli di Gesù. E’ bene sottolineare che confessiamo sia a Dio che ai fratelli di essere peccatori: questo ci aiuta a comprendere la dimensione del peccato che, mentre ci separa da Dio, ci divide anche dai nostri fratelli, e viceversa. Il peccato taglia: taglia il rapporto con Dio e taglia il rapporto con i fratelli, il rapporto nella famiglia, nella società, nella comunità: Il peccato taglia sempre, separa, divide.

 

Dire i propri peccati

Papa: Le parole che diciamo con la bocca sono accompagnate dal gesto di battersi il petto, riconoscendo che ho peccato proprio per colpa mia, e non di altri. Capita spesso infatti che, per paura o vergogna, puntiamo il dito per accusare altri. Costa ammettere di essere colpevoli, ma ci fa bene confessarlo con sincerità. Confessare i propri peccati.

 

Ritornare al Padre

Papa: La Sacra Scrittura ci offre luminosi esempi di figure “penitenti” che, rientrando in sé stessi dopo aver commesso il peccato, trovano il coraggio di togliere la maschera e aprirsi alla grazia che rinnova il cuore. Pensiamo al re Davide e alle parole a lui attribuite nel Salmo: «Pietà di me, o Dio, nel tuo amore; nella tua grande misericordia cancella la mia iniquità» (51,3). Pensiamo al figlio prodigo che ritorna dal padre; o all’invocazione del pubblicano: «O Dio, abbi pietà di me, peccatore» ( Lc 18,13). Pensiamo anche a San Pietro, a Zaccheo, alla donna samaritana.

 

La fotogallery della puntata