LA GIOIA CRISTIANA 28/05/2018

Un Papa Francesco meno mediatico, visto da vicino, attraverso le testimonianze di chi lo conosce bene, come la sorella Maria Elena Bergoglio, il cardinale Bo, il cardinale Dolan, il rabbino Skorka. Queste esperienze sono state raccolte dalla giornalista Deborah Castellano Lubov, corrispondente Zenit International New Agency, che ci ha anticipato, insieme a Padre Federico Lombardi, presidente della Fondazione Vaticana Joseph Ratzingeralcuni dettagli rivelati nel libro L’altro Francesco. Tutto quello che non vi hanno mai detto sul Papa”.

Nel racconto della giornata del Papa abbiamo riascoltato l’Omelia di questa mattina a Santa Marta, in cui ha parlato della gioia cristiana: “Memoria e speranza sono le due componenti che permettono ai cristiani di vivere nella gioia, non una gioia vuota, ilare, ma una gioia il cui “primo grado” è la pace” al contrario della “cultura dove si inventano tante cose per divertirci” definendola come una cultura che si accontenta di “pezzettini di dolce vita”. Poi, nell’incontro con la Delegazione della Federazione Internazionale delle Associazioni dei Medici Cattolici (Fiamc), tenutosi al mattino nella Sala dei papi, Bergoglio ha parlato della centralità del malato e del diritto alla vita, invitando i medici cattolici ad impegnarsi ad intervenire a livello internazionale nelle discussioni che riguardano le legislazioni su temi etici sensibili.

Per la festa della Santissima Trinità, nell’Angelus di domenica, Bergoglio ha parlato del “mistero del Dio di Gesù Cristo, che è Uno nella comunione di tre Persone: il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo”.