Il ruolo dei medici di famiglia per la “Fase 2”