“2 giugno: Matteo, Giorgia e il generale”