#SullaStrada – XIX domenica del Tempo Ordinario

Padre Giulio Michelini, biblista e teologo, nell’appuntamento di Sulla Strada, il commento al Vangelo di TV2000, spiega il Vangelo di Luca: “Se il padrone di casa sapesse a quale ora viene il ladro, non si lascerebbe scassinare la casa. Anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo”. L’abbazia territoriale di Santa Maria di Grottaferrata, conosciuta anche con il nome di Abbazia Greca di San Nilo, è una delle tre circoscrizioni ecclesiastiche della Chiesa bizantina cattolica in Italia. I monaci del Monastero esarchico, formanti la Congregazione d’Italia dei Monaci Basiliani (O.S.B.I.), sono provenienti maggiormente dalle comunità italo-albanesi e praticano liturgia e tradizione secondo il rito bizantino. Attualmente l’Abbazia di Grottaferrata è l’ultimo dei numerosi monasteri bizantini che nel Medioevo erano diffusi in tutta l’Italia meridionale e nella stessa capitale romana. Costituisce inoltre un unicum in quanto, fondato cinquanta anni prima dello scisma che portò alla separazione delle Chiese di Roma e Costantinopoli, è sempre stato in comunione con il Vescovo di Roma, pur conservando il rito bizantino-greco e la tradizione monastica orientale delle origini. Dal 1931 è sede del Laboratorio di restauro del libro antico, il primo laboratorio a carattere scientifico per la salvaguardia del patrimonio bibliografico in Italia. Già Monumento nazionale, è tutelato dal MIBACT, che gestisce il patrimonio storico-artistico con il Polo Museale del Lazio. I disegni sono di Stefania Pedna.