Mc 6,1-6

Dalla Basilica dei Santi Quattro Coronati in Roma, suor Roberta Vinerba commenta il Vangelo di domenica 7 luglio 2024, XIV Domenica del Tempo Ordinario.
Il Vangelo di questa domenica ci mette davanti allo stupore, all’opposizione e al rifiuto scandalizzato: i passaggi degli atteggiamenti degli abitanti di Nazareth nei confronti di Gesù.
Gesù conosce la sapienza del tempo, tanto che utilizza un proverbio per spiegare il fallimento della sua vita a Nazareth: “Un profeta non è disprezzato se non nella sua patria”.
La meraviglia, che incastona tutta l’avventura di Gesù a Nazareth il quale predica con sapienza, è un attributo divino.
Quando la meraviglia non è accompagnata dalla libertà del cuore si trasforma in pregiudizio. E lo scandalo è inciampare su un ostacolo.
Lo scandalo è un’esperienza terribile che interroga ciascuno di noi, soprattutto quelli più vicini al Signore. Spesso si diventa professionisti più delle nostre proiezioni che non del Dio vivente. Ingabbiare il Signore nelle nostre certezze è un pericolo che corriamo anche nei confronti degli altri.
Suor Roberta Vinerba ha voluto abbinare al Vangelo di questa domenica la figura del beato Frassati, perché anche lui come Gesù non è stato riconosciuto dai suoi familiari se non dai frutti della propria vita.

Questo contenuto non è disponibile per via delle tue sui cookie

7 Luglio 2024