Buone notizie: medici “accecati” per curare meglio ipovedenti