Reportage dall’Isola di Lesbo: 6000 profughi in fuga dalla guerra, senza cibo né acqua

Con l’intesificarsi delle violenze in Siria, aumenta anche il numero di profughi che tenta di raggiungere l’Europa. Le frontiere con la Turchia sono chiuse, e l’isola greca di Lesbo, meta di profughi e sfollati, rappresenta il primo approdo europeo. Il nostro inviato Vito D’Ettorre ha visitato il centro di detenzione dell’isola, visitato dal Papa nel 2016. E a distanza di due anni la situazione è nettamente peggiorata.

Tweet about this on TwitterShare on Tumblr0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on Facebook0Email this to someone