Chiesa, “il corpo di Carlo Acutis è intatto”

8 aprile 2019

A Tv2000 il postulatore della causa di beatificazione del ragazzo
Intervista nel corso della trasmissione ‘Bel tempo si spera’

Roma, 8 aprile 2019. “Il corpo di Carlo Acutis, da quello che mi hanno riferito, era intatto”, lo dichiara a Tv2000 Nicola Gori, postulatore della causa di beatificazione del venerabile Carlo Acutis il giovane deceduto a soli 15 anni, il 12 ottobre 2006, a causa di una leucemia fulminante. L’intervista è andata in onda questa mattina nel corso della trasmissione ‘Bel tempo si spera’, condotta da Lucia Ascione, che ha ripercorso le celebrazioni per la traslazione del corpo di Acutis nel Santuario della Spogliazione ad Assisi avvenute dal 5 al 7 aprile.

“Dopo la dichiarazione di venerabilità da parte di Papa Francesco il 5 luglio dello scorso anno – continua il postulatore-  alla congregazione è stato presentato il presunto miracolo per la verifica e quindi tutto è finalizzato alla beatificazione di Carlo Acutis. Se il miracolo è riconosciuto tale dalla consulta medica, dai teologi e dai cardinali è possibile che si giunga alla beatificazione e il Papa potrebbe firmarla. Il miracolo è avvenuto in Brasile e riguarda la guarigione di un bambino. Ma non è ancora possibile quantificare i tempi perché è appena iniziato lo studio.” 

“Carlo – conclude Nicola Gori- era un ragazzo pieno di vita, come tanti altri suoi coetanei. Un ragazzo che ha cercato però di vivere serenamente gli insegnamenti del Vangelo, e nonostante la sua età è riuscito a maturare un’esperienza di fede enorme e ha attirato nella sua ricerca di Dio anche una moltitudine di coetanei”