Ucraina, vescovo cattolico ucraini in Italia: “Il mondo non fa niente perché ha paura bomba atomica”

Diario di Papa Francesco

Mons. Lachovicz parla a Tv2000: “Preferiscono che muoia un solo Paese che il mondo intero. L’apocalisse oggi è reale”

Roma, 3 marzo 2022. “La gente ucraina grida aiuto. Non bastano le parole e le sanzioni, si deve fare qualcosa di più ma il mondo non può fare niente perché c’è il pericolo della bomba atomica e di una apocalisse”. Lo ha detto mons. Dionisio Lachovicz, Esarca Apostolico per fedeli cattolici ucraini di rito bizantino residenti in Italia, ospite del ‘Diario di Papa Francesco’ su Tv2000.
“Viviamo un momento drammatico – ha aggiunto mons. Lachovicz – l’Ucraina è martoriata e lotta da sola contro l’impero russo. Preferiscono che muoia una sola nazione che tutto il mondo. Il mondo è stato minacciato dalla bomba atomica e ora ha paura di interferire in questa guerra”.
“La speranza”, ha concluso mons. Lachovicz a Tv2000, è “l’ultima a morire e vede il futuro” ma “l’apocalisse oggi non è solamente simbolica ma è reale. Se dovesse scoppiare la guerra atomica finirà la vita su questa terra”.