Papà coraggio

Se ne sta in un angolo, immobile tra i cuscini del divano. Nata sei anni fa con una malformazione del cervello, è cieca, sorda, paralizzata alle gambe e alle braccia. Soffre di frequenti convulsioni e dorme seduta per evitare il soffocamento. È l’ultima bambina adottata da Mohamed Bzeek, il “papà coraggio” che da vent’anni apre le porte della sua casa, nella città di Azusa, ai bimbi malati terminali abbandonati dai genitori. «So che lei non può sentire, né vedere. Ma io le parlo, l’abbraccio, l’accarezzo», racconta l’uomo, 62 anni, al Los Angeles Times.

Tweet about this on TwitterShare on Tumblr0Pin on Pinterest0Share on Google+0Share on Facebook0Email this to someone