Da Mazara del Vallo: la dolce integrazione