“Il chiacchiericcio è una peste peggiore del Covid”