“One sense”: un locale per tutti