Vangelo della III Domenica di Quaresima, il commento di don Romano De Angelis