Vi racconto la “Mia” Martini, con cui ho vissuto e lavorato