Vivere in un “monastero” senza mura