In prima assoluta su Tv2000 “Missione” di Pasquale Scimeca. Il 2 aprile alle 21.05

“Missione. I poveri nutrono la terra, la terra nutre i poveri” di Pasquale Scimeca sabato 2 aprile alle 21.05. Il documentario inizia con la mietitura sulle colline di Tagliavia, a pochi chilometri da Corleone. Le spighe diventano grano. Il grano viene macinato nel mulino. La farina viene impastata e infornata. Il pane viene raccolto nelle ceste e più tardi servirà per sfamare i fratelli, le sorelle e i bambini che vivono nella Missione. Tutto questo succede a Palermo, dove venticinque anni fa, Biagio Conte, lasciò la famiglia, gli agi e le ricchezze per dedicare la sua vita ai poveri. Una scelta condivisa da un sacerdote salesiano: don Pino Vitrano, che lascia anche lui l’insegnamento in un liceo prestigioso e una comoda parrocchia, per vivere il suo sacerdozio assieme ai poveri, ai malati, ai bisognosi. Nasce così la missione di “Speranza e Carità, una delle più belle, una tra le più rivoluzionarie esperienze verificatesi in questi anni nella città di Palermo.  Un esempio da seguire e da imitare, per tutti quelli, e sono tanti, che hanno a cuore gli ultimi, i poveri, i migranti, i senza tetto, chi non ha voce né speranza. Le Missioni, in realtà sono sei. Tre di accoglienza (quelle di via Archirafi, di via decollati e di via Garibaldi)  e tre di lavoro (quelle di Tagliavia, di Scopello e di Villa Pignatelli a San Lorenzo). Complessivamente ospitano più di mille persone provenienti da ogni parte del mondo: migranti che vengono dall’Africa e dall’Asia,  senza tetto, carcerati, malati, senza fissa dimora dai quartieri popolari di Palermo e da ogni parte della Sicilia. Il film racconta tutto ciò,  e per questo finisce, così com’era iniziato:  il ciclo virtuoso del pane,  quel pane, frutto di fatica e sudore, che non serve solo a nutrire il corpo, ma anche l’anima di quella comunità degli uomini che si riunisce in una sacra assemblea, per rinnovare il miracolo dell’eucarestia.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0