Le tradizioni della cucina povera: mercoledì 18 maggio alle 15.20 in viaggio con Siamo Noi nel mondo del gusto e della gastronomia con i piatti poveri dall’Italia e dal mondo

I temi, le storie, le inchieste e gli approfondimenti di Siamo Noi tornano con una nuova settimana ricca di appuntamenti. Si comincia lunedì 16 maggio con una finestra dedicata alla sanità: sta facendo molto discutere la decisione di Ministero e Regioni di chiudere il servizio di guardia medica notturna con un forte rischio di sovraffollamento per pronto soccorso e 118. Martedì 17, si parlerà invece di maternità: la nostra società è a misura di mamma? Qual è il rapporto con la fede delle donne in procinto di partorire? In studio Marta Rodriguez direttrice dell’Istituto di Studi Superiori sulla Donna dell’Ateneo Regina Apostolorum, Francesca Marta coordinatrice del progetto “Fiocchi in Ospedale”, Riccarda Zezza autrice “MAAM” – Maternity As A Master e Maria Grazia Campese, Presidente “Spazio aperto ai servizi”. Mercoledì 18, un viaggio nel mondo del gusto e della gastronomia con i piatti poveri dall’Italia e dal mondo. Dal Nord al Sud dell’Italia, dal Centro America all’Africa fino all’estremo oriente, una puntata tutta da gustare insieme a Federico Fazzuoli, storico conduttore di “Linea Verde” e Osvaldo Veneziano presidente nazionale Arcicaccia. Giovedì 19, i protagonisti indiscussi della puntata saranno gli animali. La loro interazione con l’uomo, la loro sensibilità e capacità affettiva per una terapia che sta riscuotendo sempre più successo: la pet therapy. Ospiti al tavolo di Massimiliano Niccoli e Gabriella Facondo, Luca Farina, Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie, Massimo Baragli, Scuola Nazionale cani guida per cechi, Daria Pedullà, dell’Associazione ANTAS e Damiano Biscossi, Donkey Whisperer Pet Therapy con gli asini. Venerdì 20 si chiude la settimana un approfondimento sul rapporto anziani – parrocchie. Il valore sociale e aggregativo delle comunità parrocchiali che con attività e incontri per anziani sono vicine ai più fragili.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0