Tv2000 mostra nastri telegrafici di Marconi, moderno Wi-Fi

Su emittente Cei le immagini del reperto del 1897 tra i più antichi al mondo

Roma, 22 maggio 2017. I “nastri telegrafici” utilizzati da Guglielmo Marconi nel luglio del 1897, tra i reperti più antichi al mondo, sono stati mostrati per la prima volta in televisione da Tv2000 nell’approfondimento del Tg2000. Vincenzo Grienti ricostruisce la storia dei nastri che conservano le tracce del successo delle sperimentazioni marconiane da cui ha avuto origine la radiotelegrafia e la comunicazione senza fili. In pratica il moderno Wi-Fi.

Le telecamere di Tv2000 sono andate al Museo Tecnico Navale di La Spezia per ripercorrere la storia dei nastri nell’ottantesimo anniversario della morte di Marconi avvenuta il 20 luglio 1937 e a 120 anni dalle prove sperimentali dello scienziato italiano.

Proprio a La Spezia la Regia Marina mise a disposizione di Marconi i tecnici, il personale, le navi e il Laboratorio Elettrico della Regia Marina nella zona orientale del Golfo, a San Bartolomeo, dove il giovane Marconi –che tra l’altro diventò ufficiale di Marina – eseguì le dimostrazioni sempre seguito da una commissione di esperti pronti a certificare il buon esito degli esperimenti effettuati sia in terra ferma che con unità in mare, sia ferme che in movimento. I risultati confermarono le grandi potenzialità del nuovo sistema di comunicazioni e questo permise alla Regia Marina e all’Italia di disporre di uno strumento tecnologico rivoluzionario all’avanguardia nel mondo.

I nastri di Marconi sono arrivati fino ai giorni nostri grazie ai discendenti e alla famiglia di un marinaio telegrafista, Maria Gaetano Da Pozzo, che proprio 120 anni fa al termine degli esperimenti avvenuti su Nave San Martino, conservò i nastri telegrafici che molto probabilmente, dopo l’uso, sarebbero andati perduti.  Fu proprio Da Pozzo ad annotare a penna sulla fasciatura che conservava i nastri l’appunto “zona dell’apparecchio ricevente del S. Martino in coperta, batteria e cala durante gli esperimenti del 17 – 7 – 97”.
Nell’approfondimento del Tg2000 si parla anche della decodifica dei nastri e dell’enigmatico messaggio in essi contenuto: ‘quando capite alzate intelligenza’. Una frase inviata dalla stazione trasmittente installata a terra, a S. Bartolomeo, a quella ricevente a bordo nave S. Martino, per segnalare di alzare un particolare segnale visivo, una bandiera (intelligenza), ancora oggi usata dai marinai, per confermare la ricezione dei segnali radio e naturalmente il buon esito dell’esperimento.

CondividiShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on LinkedIn0Pin on Pinterest0