Ave Maria, il Papa: alle madri di Plaza de Mayo permetto tutto. Vera Vigevani Jarach: mia figlia Franca vittima di un volo della morte (video)

Seconda puntata stasera ore 21.05

Nel corso della seconda puntata di Ave Maria, il programma di Tv2000  sulla preghiera più amata, Papa Francesco si sofferma sulle mamme di Plaza de Mayo.  Durante la lunga conversazione avuta con don Marco Pozza, conduttore della trasmissione, il Pontefice sottolinea:  “A una mamma che ha sofferto quello che hanno sofferto le mamme di Plaza de Mayo io permetto tutto. Le permetto di dire tutto, perché non si può capire qual è il dolore di una mamma. Alle volte tu senti ‘ma io almeno io vorrei vedere il corpo del mio figlio, avere le ossa, sapere dove è stato sepolto’… Le è stato strappato il figlio e buttato; è un’esperienza molto forte, quando a una donna le strappano il figlio. [Ascolta il Papa e continua a leggere]

C’è una memoria che io chiamo memoria materna che è anche fisica, è una memoria di carne e ossa. Anche in questa memoria si può spiegare l’angoscia. Tante volte dicono ‘ma dov’ era la Chiesa che in quel momento non ci ha difeso’. Io sto zitto, le accompagno. La disperazione di una mamma di Plaza de Mayo è terribile. Dobbiamo accompagnare e rispettare il dolore, prenderle per mano”.

Nel corso della puntata, in onda stasera alle 21.05, Don Marco Pozza incontra anche Vera Vigevani Jarach, 90 anni, una delle madri di Plaza de Mayo. In Argentina negli anni della dittatura militare di Videla sua figlia Franca fu imprigionata e uccisa,  vittima di un “volo della morte”. [Ascolta Vera Vigevani Jarach]