La Bibbia, un ciclo di film sulle vicende narrate nel libro della Cristianità
ogni lunedì in prima serata

Ogni lunedì alle 21.05 su Tv2000 – La Bibbia, un ciclo di miniserie e film per la televisione sulle vicende narrate in vari libri del testo sacro della Cristianità vengono riproposte e dirette da registi di valore internazionale e con cast straordinari.

Di seguito la programmazione:

 

3 settembre Abramo (Abraham) è una miniserie televisiva del 1993, diretta dal regista Joseph Sargent.

Il primo passo della storia della Salvezza. Per stringere la sua Alleanza con il genere umano, Dio non sceglie un grande condottiero o un re, ma un uomo già avanti negli anni, Abramo, che vive nei pascoli della Mesopotamia. Ma Abramo é un uomo pieno di fede e, di fronte alla chiamata, inizia a credere e continua a farlo anche quando Dio sembra averlo abbandonato.  Di tutte le promesse fatte da Dio, la più grande é quella di una discendenza in Isacco. E quando Abramo é interamente preso dall’affetto per il figlio, Dio gli presenta una prova tremenda: il suo sacrificio.
Sarà disposto Abramo a mettere Dio al primo posto anche di fronte alla vita di suo figlio?

 

10 settembreGiacobbe è un film del 1994 diretto da Peter Hall, con Matthew Modine nel ruolo di Giacobbe.

La storia di un uomo che lotta con Dio, ma che grazie ad una fede incrollabile riuscirà a dimostrarsi degno erede dell’Alleanza stipulata con Abramo.
L’integrità morale, la redenzione finale e soprattutto la fede in Dio sono alcuni dei temi portanti della storia di Giacobbe e tra i temi guida della Bibbia stessa.
Ma la storia di Giacobbe é anche una delle più avvincenti saghe familiari della Bibbia, un dramma pieno di conflitti e di passioni.

 

17 settembreGiuseppe (Joseph) è una miniserie tv del 1995, diretta dal regista Roger Young con Ben Kingsley.

Giuseppe, il figlio più amato di Giacobbe, viene venduto come schiavo dai suoi fratelli invidiosi a una carovana di mercanti ismaeliti. In Egitto, Giuseppe viene acquistato da Putifar, il capo delle milizie del Faraone. Pur resistendo alle provocazioni della moglie del suo padrone, viene condannato per averla insidiata e rinchiuso nelle carceri del faraone. Suoi compagni di cella sono due prigionieri speciali: il coppiere e il fornaio del faraone, accusati di aver rubato il bracciale del Dio del Sole. L’interpretazione dei sogni dei due uomini fatta da Giuseppe risolve il caso e gli permette di accedere a corte.

 

24 settembreMose è una miniserie televisiva in due puntate del 1995, diretta dal regista Roger Young e con protagonisti Ben Kingsley, Frank Langella e Christopher Lee.

Mosé, colui che Dio sceglie per condurre il popolo d’Israele attraverso l’incredibile odissea che lo porterà dalla schiavitù in Egitto verso la libertà della Terra Promessa.
Insieme al suo popolo deve combattere per costruire una nuova società secondo i comandamenti di Dio, libera dalla schiavitù, anche quella degli idoli e della ricchezza.
L’epopea avvincente della Fede e della Libertà, perché l’Esodo di Mosé e del suo popolo é la metafora sempre attuale del cammino dell’umanità verso la salvezza.

 

1 ottobreDavide è una miniserie televisiva diretta da Robert Markowitz e scritta da Larry Gross.

Davide é un uomo nel senso più vero del termine: autore di sublimi lodi al Signore e insieme capace di fare scempio della legge di Dio.
Un uomo con molte doti, ma anche un uomo spregiudicato e calcolatore, esuberante sia nei suoi peccati, sia nel sincero amore per Dio, che considera il vero e solo re d’Israele.
Da giovane pastore di Betlemme entra nelle grazie di Saul re d’Israele, ne diventa uno dei principali guerrieri, sconfigge l’invincibile Golia, sposa Mical, ma é travolto dalla passione adulterina per la bellissima Betsabea, deve affrontare i guai provocati dai figli, fino al discernimento della volontà di Dio con la scelta del figlio Salomone, quale suo successore sul trono d’Israele.

 

8 ottobreSalomone diretto da Roger Young e interpretato da Ben Cross,  David Suchet, Stefania Rocca e  Maria Grazia Cucinotta.

A Salomone spetta il solenne compito di costruire il Tempio di Gerusalemme, dove custodire l’antica Arca dell’Alleanza tra Dio e il popolo.
La Sapienza é ciò che rende grande il regno di Salomone e la Bibbia sottolinea questa caratteristica come dono divino, ma é anche ciò che rende angosciante e infelice la vecchiaia del re d’Israele.
Da qui il crescendo drammatico di questa storia che si sviluppa anche nell’intreccio con altri personaggi: Abisag, una giovane bellissima che entrerà a corte per alleviare la vecchiaia del re Davide, e la regina di Saba, venuta per conoscere da vicino Salomone, il sapiente, del quale s’innamorerà e dal quale avrà un figlio.

 

15 ottobreGeremia (Jeremiah) è un film per la televisione del 1998 diretto da Harry Winer e interpretato da Patrick Dempsey.

La missione di un profeta chiamato da Dio a predicare, al suo popolo e al suo Re, il ritorno alla fede e alla giustizia, proprio quando falsi idoli, ricchezza, lussuria sembrano aver preso il posto dei valori su cui si fondava l’antica alleanza con Dio. Parole, quelle di Geremia, che vanno controcorrente e per questo destinate a cadere nel vuoto e a diventare causa della sua persecuzione.
Geremia sacrifica tutto se stesso alla missione profetica che gli viene affidata, non senza conoscere grandi conflitti interiori: rinuncia persino all’amore della donna che ama, Giuditta, per compiere il volere di Dio.

 

22 ottobreSansone e Dalila (Samson and Delilah) è una miniserie televisiva del 1996 diretta da Nicolas Roeg e interpretata da Eric Thal ed Elizabeth Hurley.

Un uomo e una donna uniti dall’amore, divisi dal potere, strumenti del disegno di Dio per condurre il popolo eletto d’Israele verso la libertà dalla schiavitù e dalla repressione filistea.
Un uomo vittima delle passioni, debole moralmente quanto forte fisicamente, perché dotato di una forza prodigiosa, eppure strumento anche lui del disegno di Dio. Sansone é inviato da Dio, ma, pur sapendo di esserlo, sbaglia nelle azioni, persiste nei suoi errori fino al riscatto finale. Dio si serve di lui, della sua forza prodigiosa, del suo carisma presso il popolo degli ebrei, nonostante Sansone sembri fare di tutto per non assecondarlo, preferendo alla missione religiosa le avventure sentimentali, che saranno causa del suo castigo.

 

29 ottobreEster è un film televisivo del 1999 diretto dal regista Raffaele Mertes.

Ester, vissuta in Persia al tempo di Serse, rimane poi a Susa come molti altri Giudei, che scelsero di stabilirsi nel nuovo impero persiano, nonostante l’editto di Ciro del 538 a.C. desse loro la possibilità di tornare a Gerusalemme dopo la deportazione babilonese. Grazie alle sue qualità, Ester riesce a essere uno strumento perfetto del disegno di Dio per la salvezza del suo popolo, impedendo il piano criminale di sterminio, ordito dalla corte persiana. Grazie al suo eroismo, i Giudei potranno tornare a Gerusalemme. Per Israele sarà un periodo di rinascita: si ricostruirà il Tempio della Città Santa, distrutto da Nabucodonosor, e tornerà in auge la Torah, il fondamento del giudaismo.

 

5 novembrePietro e Paolo (I parte)  è una miniserie televisiva statunitense in due puntate trasmesse per la prima volta nel 1981.

La serie racconta le vicende di Paolo di Tarso, interpretato da Anthony Hopkins, a cominciare dalla sua conversione sulla via di Damasco. E di Pietro, interpretato da Robert Foxworth.

 

12 novembrePietro e Paolo (II parte)  è una miniserie televisiva statunitense in due puntate trasmesse per la prima volta nel 1981.

La serie racconta le vicende di Paolo di Tarso, interpretato da Anthony Hopkins, a cominciare dalla sua conversione sulla via di Damasco. E di Pietro, interpretato da Robert Foxworth.

 

19 novembreSan Giovanni l’Apocalisse è un film televisivo del 2002 diretto da Raffaele Mertes e tratto dall’ultimo libro della Bibbia: l’apocalisse di San Giovanni, con Richard Harris e Vittoria Belvedere.

L’Apocalisse é la lettera in cui l’evangelista Giovanni racconta le visioni avute prima di morire: rivelazioni sul futuro dell’umanità e sul regno di Dio, scritte in un linguaggio complesso fatto di figure, avvenimenti e azioni simboliche entrate nell’immaginario collettivo: i quattro cavalieri, i sette sigilli, gli angeli con le trombe che annunciano i flagelli, l’Anticristo, l’Agnello che sconfigge la Bestia e afferma il verbo di Cristo.
Il film racconta la vita di Giovanni, “il discepolo che Gesù amava”, l’ultimo ad aver visto Cristo vivo e a non aver subito il martirio: dall’adolescenza vissuta accanto al Maestro predicando per le strade della Palestina, fino alla vecchiaia ad Efeso, negli anni del regno dell’Imperatore Traiano, passando per le feroci persecuzioni di Nerone e Domiziano. Una figura fondamentale per i primi cristiani: l’ultimo anello di congiunzione con l’esperienza non solo spirituale, ma anche fisica, materiale, di Gesù.