“Francesco” con Mickey Rourke

Giovedì 4 ottobre alle 21.05 Francesco di Liliana Cavani con Mickey Rourke  racconta la storia del santo alcuni anni dopo la sua morte. Chiara e cinque ex-fratelli del Santo ricordano episodi e momenti della vita di quell’essere straordinario, che sconvolse le loro esistenze, attirandoli con parole e con esempi di amore e di pace, in linea con il Vangelo. Leone annota sul suo quaderno spunti e ricordi toccanti; gli altri (Pietro Cattani che sapeva di legge, Bernardo, già notaio del padre del Santo, Angelo ex-uomo d’armi e Rufino) lo aiutano nel redigere il suo memoriale. Rivivono così le antiche dissipazioni del giovane rampollo del ricco mercante Pietro Bernardone; la sua vicenda di prigioniero (dopo la guerra con Perugia, un anno nelle fosche prigioni); la sua incredibile rinuncia a tutti i beni di famiglia per andare con i poveri e i lebbrosi. Rivivono anche i primi passi di Francesco dopo il gesto scandaloso; l’arrivo dei primissimi fratelli, pronti a seguirlo in una vita miserabile ed eroica, piena di rinunce ed umiliazioni ma anche di gioie ineffabili; il restauro della chiesetta di San Damiano; gli innumerevoli ostacoli da superare per sopravvivere; l’incontro con Chiara (la cugina di Rufino) fuggita da Assisi per aggregarsi alla comunità. Ottenuta in seguito, con l’appoggio del Cardinale Ugolino, l’approvazione di Papa Innocenzo III – confermata, dopo la di lui morte a Perugia, dal successore Onorio III, affinchè i fraticelli avessero una Regola – comincia per il Santo l’ultima parte della sua vita, forse la più dura e tormentata: la netta percezione dei pericoli cui può andare incontro la purezza ed unità della giovane comunità, per l’affluire da molti Paesi d’Europa di giovani entusiasti, ma anche meno semplici e meno docili ed il profilarsi di divisioni all’interno stesso del nuovo Ordine. Di salute precaria, torturato nell’animo, Francesco cede il posto al fido Pietro e si rifugia con fra Leone – che lui chiama “pecorella di Dio” – sulle montagne, per meditare e pregare Dio, il quale non sembra rispondere alle sue grida angosciate. Ma così non sarà: le stigmate alle mani, ai piedi ed al costato suggelleranno nel sangue la pietà e l’amore divini per quell’uomo malato e disperato, che chiuderà presto gli occhi nella dolce terra umbra tanto amata.