IL BATTESIMO: SORGENTE DI VITA
Padre Raniero Cantalamessa 02/05/2018

Questa mattina in Udienza Generale, Papa Francesco a proseguito la catechesi sul battesimo, spiegando il significato dei riti centrali ed in particolare il simbolismo dell’acqua. Abbiamo così riascoltato le parole del Papa spiegate da Padre Raniero Cantalamessa, dell’ordine dei Frati Minori Cappuccini e Predicatore della Casa Pontificia, dal 1980.

 

IN EVIDENZA

Un aneddoto con Bergoglio Il significato dell’Amen

 

UDIENZA GENERALE

L’acqua e la forza dello spirito

Papa: Consideriamo anzitutto l’acqua, sulla quale viene invocata la potenza dello Spirito affinché abbia la forza di rigenerare e rinnovare (cfr Gv 3,5 e Tt 3,5) …

… La preghiera di benedizione dice che Dio ha preparato l’acqua «ad essere segno del Battesimo» e ricorda le principali prefigurazioni bibliche: sulle acque delle origini si librava lo Spirito per renderle germe di vita (cfr Gen 1,1-2); l’acqua del diluvio segnò la fine del peccato e l’inizio della vita nuova (cfr Gen7,6-8,22); attraverso l’acqua del Mar Rosso furono liberati dalla schiavitù d’Egitto i figli di Abramo (cfr Es 14,15-31). In relazione con Gesù, si ricorda il battesimo nel Giordano (cfr Mt 3,13-17), il sangue e l’acqua versati dal suo fianco (cfr Gv 19,31-37), e il mandato ai discepoli di battezzare tutti i popoli nel nome della Trinità (cfr Mt 28,19). Forti di tale memoria, si chiede a Dio di infondere nell’acqua del fonte la grazia di Cristo morto e risorto (cfr Rito del Battesimo dei bambini, n. 60). E così, quest’acqua viene trasformata in acqua che porta in sé la forza dello Spirito Santo. E con quest’acqua con la forza dello Spirito Santo, battezziamo la gente, battezziamo gli adulti, i bambini, tutti.

 

La Fede e la rinuncia

Papa: Santificata l’acqua del fonte, bisogna disporre il cuore per accedere al Battesimo. Ciò avviene con la rinuncia a Satana e la professione di fede, due atti strettamente connessi tra loro. Nella misura in cui dico “no” alle suggestioni del diavolo – colui che divide – sono in grado di dire “sì” a Dio che mi chiama a conformarmi a Lui nei pensieri e nelle opere. Il diavolo divide; Dio unisce sempre la comunità, la gente in un solo popolo. Non è possibile aderire a Cristo ponendo condizioni. Occorre distaccarsi da certi legami per poterne abbracciare davvero altri; o stai bene con Dio o stai bene con il diavolo. Per questo la rinuncia e l’atto di fede vanno insieme. Occorre tagliare dei ponti, lasciandoli alle spalle, per intraprendere la nuova Via che è Cristo.

 

APPUNTAMENTI del 1 MAGGIO

Dirigenti e al Personale del quotidiano “Avvenire” 

Pellegrinaggio al Santuario della Madonna del Divino Amore per l’inizio del Mese Mariano

 

La fotogallery della puntata