UNA VITA PIENA 13/06/2018

Questa mattina in Udienza Generale, Papa Francesco ha iniziato un nuovo itinerario di catechesi sul tema dei comandamenti. A partire dalla lettura del Vangelo del giorno ha raccontato la parabola del giovane ricco che chiede a Gesù il dono della vita eterna. La risposta è nell’affrontare le sfide che ogni esistenza incontra nel proprio percorso.

Si rivolge in particolare ai giovani a vivere con mitezza, forza e senza pusillanimità e mediocrità, con una sana inquietudine. Poi spiega come l’accettazione dei propri limiti sia fondamentale nel passaggio dalla giovinezza alla maturità.

E in studio, Suor Elisabetta Flick, religiosa delle Ausiliatrici delle anime del Purgatorio, e Gigi De Palo, presidente del Forum delle Associazioni Familiari, rileggono in chiave personale la catechesi del Papa.

 

IN EVIDENZA

Aprirsi alla vita Facciamo della nostra vita un capolavoro

 

UDIENZA GENERALE

Desiderio di vita piena

In quella domanda c’è la sfida di ogni esistenza, anche la nostra: il desiderio di una vita piena, infinita. Ma come fare per arrivarci? Quale sentiero percorrere? Vivere per davvero, vivere un’esistenza nobile… Quanti giovani cercano di “vivere” e poi si distruggono andando dietro a cose effimere. La voglia di vivere…

… il nostro peggior nemico non sono i problemi concreti, per quanto seri e drammatici: il pericolo più grande della vita è un cattivo spirito di adattamento che non è mitezza o umiltà, ma mediocrità, pusillanimità. Un giovane mediocre è un giovane con futuro o no? (non sento…) No! Rimane lì, non cresce, non avrà successo. .. Il Beato Pier Giorgio Frassati – che era un giovane – diceva che bisogna vivere, non vivacchiare. I mediocri vivacchiano. Vivere con la forza della vita. Bisogna chiedere al Padre celeste per i giovani di oggi il dono della sana inquietudine.

 

Dalla giovinezza alla maturità

Papa: La domanda di quell’uomo del Vangelo che abbiamo sentito è dentro ognuno di noi: come si trova la vita, la vita in abbondanza, la felicità? Gesù risponde: «Tu conosci i comandamenti» (v. 19), e cita una parte del Decalogo. È un processo pedagogico, con cui Gesù vuole guidare ad un luogo preciso; infatti è già chiaro, dalla sua domanda, che quell’uomo non ha la vita piena, cerca di più è inquieto. Che cosa deve dunque capire? Dice: «Maestro, tutte queste cose (questi comandamenti), le ho osservate fin dalla mia giovinezza» (v. 20).

Come si passa dalla giovinezza alla maturità? Quando si inizia ad accettare i propri limiti. Si diventa adulti quando ci si relativizza e si prende coscienza di “quello che manca” (cfr v. 21).

 

La vita vera

Chi, potendo scegliere fra un originale e una copia, sceglierebbe la copia? Ecco la sfida: trovare l’originale della vita, non la copia. Gesù non offre surrogati, ma vita vera, amore vero, ricchezza vera! Come potranno i giovani seguirci nella fede se non ci vedono scegliere l’originale, se ci vedono assuefatti alle mezze misure? È brutto trovare cristiani di mezza misura, cristiani – mi permetto la parola – “nani”; crescono fino ad una certa statura e poi no; cristiani con il cuore rimpicciolito, chiuso. È brutto trovare questo. Ci vuole l’esempio di qualcuno che mi invita a un “oltre”, a un “di più”, a crescere un po’. Sant’Ignazio lo chiamava il “magis”, «il fuoco, il fervore dell’azione, che scuote gli assonnati».[4]

La strada di quel che manca passa per quel che c’è. Gesù non è venuto per abolire la Legge o i Profeti ma per dare compimento. Dobbiamo partire dalla realtà per fare il salto in “quel che manca”. Dobbiamo scrutare l’ordinario per aprirci allo straordinario.

 

La fotogallery della puntata