Chi sono i Santi del quotidiano?
Gianluca Arcopinto 01/11/2017

CHI SONO I SANTI DEL QUOTIDIANO?

“I santi della porta accanto, persone che aiutano Dio a mandare avanti il mondo”. Nel giorno della festa di Tutti i Santi, papa Francesco non ha parlato dei Santi del calendario, ma di quelli “nascosti”. In studio con Gennaro Ferrara e Marco Burini, un produttore cinematografico, uno che per mestiere cerca e scrive storie, Gianluca Arcopinto. Insieme a lui abbiamo cercato di raccontare alcune di queste persone nascoste e luminose.

 

IN EVIDENZA

Il colore dei Santi Il sorriso dei Santi

 

ANGELUS:

La luce dei santi

La solennità di Tutti i Santi è la “nostra” festa: non perché noi siamo bravi, ma perché la santità di Dio ha toccato la nostra vita. I santi non sono modellini perfetti, ma persone attraversate da Dio. Possiamo paragonarli alle vetrate delle chiese, che fanno entrare la luce in diverse tonalità di colore. I santi sono nostri fratelli e sorelle che hanno accolto la luce di Dio nel loro cuore e l’hanno trasmessa al mondo, ciascuno secondo la propria “tonalità”.


I santi della porta accanto

Ecco le beatitudini. Non richiedono gesti eclatanti, non sono per superuomini, ma per chi vive le prove e le fatiche di ogni giorno, per noi. Così sono i santi: respirano come tutti l’aria inquinata dal male che c’è nel mondo, ma nel cammino non perdono mai di vista il tracciato di Gesù, quello indicato nelle beatitudini, che sono come la mappa della vita cristiana.

 

Solo amando si vive beati

Anzitutto – dice la prima beatitudine – sono «poveri in spirito» (Mt 5,3). Che cosa significa? Che non vivono per il successo, il potere e il denaro; sanno che chi accumula tesori per sé non arricchisce davanti a Dio (cfr Lc 12,21). Credono invece che il Signore è il tesoro della vita, e l’amore al prossimo l’unica vera fonte di guadagno. A volte siamo scontenti per qualcosa che ci manca o preoccupati se non siamo considerati come vorremmo; ricordiamoci che non sta qui la nostra beatitudine, ma nel Signore e nell’amore: solo con Lui, solo amando si vive da beati.

 

Dopo l’Angelus

Domani pomeriggio mi recherò al Cimitero americano di Nettuno e poi alle Fosse Ardeatine: vi chiedo di accompagnarmi con la preghiera in queste due tappe di memoria e di suffragio per le vittime della guerra e della violenza. Le guerre non producono altro che cimiteri e morte: ecco perché ho voluto dare questo segno in un momento dove la nostra umanità sembra non aver imparato la lezione o di non volerla imparare.

Vedi l’angelus integrale

Leggi il testo integrale

Fotogallery della puntata