UDIENZA GENERALE Riflessioni sul viaggio in Irlanda 29/08/2018

Nella catechesi di questa mattina, in Udienza Generale, Papa Francesco ha dedicato le sue riflessioni conclusive del viaggio apostolico in Irlanda a cui ha partecipato in occasione dell’Incontro Mondiale delle Famiglie.

Gennaro Ferrara insieme alla teologa, Cettina Militello, autrice di “Vi è stato detto ma io vi dico” (Ed. San Paolo) riflette sul significato dei 10 comandamenti così come sono riletti da Papa Francesco nei cicli del mercoledì. Poi ritornando alla catechesi del giorno, abbiamo ascoltato le parole di Papa Francesco che ripercorrendo le tappe del viaggio ha parlato di vocazione e missione della famiglia, di Chiesa domestica ed infine ha ricordato l’incontro con le vittime di abusi.

 

IN EVIDENZA

 

Cettina Militello: Le piaghe della Chiesa

 

 

 La sessualità è dono

 

 

UDIENZA GENERALE

La famiglia e il sogno di Dio

Papa: La mia presenza voleva soprattutto confermare le famiglie cristiane nella loro vocazione e missione. Le migliaia di famiglie – sposi, nonni, figli – convenuti a Dublino, con tutta la varietà delle loro lingue, culture ed esperienze, sono state segno eloquente della bellezza del sogno di Dio per l’intera famiglia umana. E noi lo sappiamo: il sogno di Dio è l’unità, l’armonia e la pace, nelle famiglie e nel mondo, frutto della fedeltà, del perdono e della riconciliazione che Lui ci ha donato in Cristo. Egli chiama le famiglie a partecipare a questo sogno e a fare del mondo una casa dove nessuno sia solo, nessuno sia non voluto, nessuno sia escluso. Pensate bene a questo: quello che Dio vuole è che nessuno sia solo, nessuno sia non voluto, nessuno sia escluso. Perciò era molto appropriato il tema di questo Incontro Mondiale. Si chiamava così: “Il Vangelo della famiglia, gioia per il mondo”.

 

La Chiesa famiglia di famiglie

Papa: Rivolgendomi alle Autorità, nel Castello di Dublino, ho ribadito che la Chiesa è famiglia di famiglie, e che, come un corpo, sostiene queste sue cellule nel loro indispensabile ruolo per lo sviluppo di una società fraterna e solidale.

Veri e propri “punti-luce” di queste giornate sono state le testimonianze di amore coniugale date da coppie di ogni età. Le loro storie ci hanno ricordato che l’amore del matrimonio è uno speciale dono di Dio, da coltivare ogni giorno nella “chiesa domestica” che è la famiglia. Quanto ha bisogno il mondo di una rivoluzione di amore, di una rivoluzione di tenerezza, che ci salvi dall’attuale cultura del provvisorio! E questa rivoluzione comincia nel cuore della famiglia.

 

Pedofilia: l’incontro con le vittime

Papa: Questa mia visita in Irlanda, oltre alla grande gioia, doveva anche farsi carico del dolore e dell’amarezza per le sofferenze causate in quel Paese da varie forme di abusi, anche da parte di membri della Chiesa, e del fatto che le autorità ecclesiastiche in passato non sempre abbiano saputo affrontare in maniera adeguata questi crimini. Un segno profondo ha lasciato l’incontro con alcuni sopravvissuti – erano otto -; e a più riprese ho chiesto perdono al Signore per questi peccati, per lo scandalo e il senso di tradimento procurati. I Vescovi irlandesi hanno intrapreso un serio percorso di purificazione e riconciliazione con coloro che hanno sofferto abusi, e con l’aiuto delle autorità nazionali hanno stabilito una serie di norme severe per garantire la sicurezza dei giovani.